L'arte di mangiar bene
 

libro da regalare

Nady 2 Ago 2017 23:18
ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
regalarle un libro di cucina.

vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
consigliate qualcosa di veramente interessante?

so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.

grazie a tutti!
ishka 3 Ago 2017 01:29
Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>
> grazie a tutti!

https://www.amazon.it/scienza-cucina-larte-mangiar-bene/dp/8809817133/ref=pd_lpo_sbs_14_t_0?_encoding=UTF8&psc=1&refRID=A10AS0XAP2W391XZYQ8J


se poi ne trovi una stampata nel 1891 sarebbe il massimo... :-)
fulvio_ capsy 3 Ago 2017 09:30
Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>
> grazie a tutti!

"le ricette regionali italiane" di Anna Gosetti della Salda
ed SOLARES
sepp 3 Ago 2017 09:31
Il giorno giovedì 3 agosto 2017 01:29:51 UTC+2, ishka ha scritto:
> Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
>> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
>> regalarle un libro di cucina.
>>
>> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
>> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>>
>> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>>
>> grazie a tutti!
>
>
https://www.amazon.it/scienza-cucina-larte-mangiar-bene/dp/8809817133/ref=pd_lpo_sbs_14_t_0?_encoding=UTF8&psc=1&refRID=A10AS0XAP2W391XZYQ8J
>
>
> se poi ne trovi una stampata nel 1891 sarebbe il massimo... :-)

cioe', come roba storica e/o se hai un tavolo che balla si'. Per il resto e'
come proporre il manuale del perito degli anni 60 come riferimento per riparare
uno smartphone.
sepp 3 Ago 2017 09:37
Il giorno mercoledì 2 agosto 2017 23:18:16 UTC+2, Nady ha scritto:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>
> grazie a tutti!

https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=montersino

questo.

Poi, se e' particolarmente incline alla pasticceria questo
https://www.amazon.it/Dolci-Manuale-pratico-pasticceria-Giovanni/dp/8809781597
Elwood 3 Ago 2017 09:39
On Wednesday, August 2, 2017 at 11:18:16 PM UTC+2, Nady wrote:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.

Gli altri consigli sono sacrosanti, ma se è una persona curiosa a cui piace
andare oltre lo "standard", magari un libro che spieghi la scienza in cucina,
come quelli di Bressanini potrebbe piacerle:
https://www.amazon.it/scienza-della-pasticceria-chimica-bign%C3%A8/dp/8858012305/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1501745900&sr=8-2&keywords=bressanini

--
Elwood (Peter S.)
Jk 3 Ago 2017 10:46
Il 03/08/2017 9.39, Elwood ha scritto:

> Gli altri consigli sono sacrosanti, ma se è una persona curiosa a cui piace
andare oltre lo "standard", magari un libro che spieghi la scienza in cucina,
come quelli di Bressanini potrebbe piacerle:
>
https://www.amazon.it/scienza-della-pasticceria-chimica-bign%C3%A8/dp/8858012305/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1501745900&sr=8-2&keywords=bressanini
>

Quoto.
Desca 4 Ago 2017 09:53
Il 03/08/2017 09:37, sepp ha scritto:


> Poi, se e' particolarmente incline alla pasticceria questo
https://www.amazon.it/Dolci-Manuale-pratico-pasticceria-Giovanni/dp/8809781597

Confermo, questo e' fatto molto bene, l'ho reglato ad una amica e prima
di darglielo l'ho sfogliato per vedere come fosse organizzato.
Mardot 4 Ago 2017 11:19
Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>
> grazie a tutti!

Per me in una libreria da cucina non può mancare la versione cartacea
del Cucchiaio d'Argento, pubblicato per la prima volta nel 1950.

E' una specie di pietra d'angolo da cui poi uno può sviluppare la sua
abilita'/curiosita' nelle modalita' piu' gradite.

Ne ho regalato una copia ad un'amica davvero importante per me, oltre
che un'amante di cucina, come per le precedenti due occasioni il
successa e' stato grande.
sepp 4 Ago 2017 11:47
Il giorno venerdì 4 agosto 2017 09:53:22 UTC+2, Desca ha scritto:
> Il 03/08/2017 09:37, sepp ha scritto:
>
>
>> Poi, se e' particolarmente incline alla pasticceria questo
https://www.amazon.it/Dolci-Manuale-pratico-pasticceria-Giovanni/dp/8809781597
>
> Confermo, questo e' fatto molto bene, l'ho reglato ad una amica e prima
> di darglielo l'ho sfogliato per vedere come fosse organizzato.

Se vuoi, qui
http://www.coquinaria.it/forum/forum/i-forum-di-coquinaria/inauguriamo-il-futuro/2879482-manuale-di-pasticceria-di-pina-ricette-provate
c'e' un bel post sulle ricette di questo manuale.
sepp 4 Ago 2017 11:56
Il giorno venerdì 4 agosto 2017 11:19:53 UTC+2, Mardot ha scritto:
> Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
>> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
>> regalarle un libro di cucina.
>>
>> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
>> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>>
>> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>>
>> grazie a tutti!
>
> Per me in una libreria da cucina non può mancare la versione cartacea
> del Cucchiaio d'Argento, pubblicato per la prima volta nel 1950.
>
> E' una specie di pietra d'angolo da cui poi uno può sviluppare la sua
> abilita'/curiosita' nelle modalita' piu' gradite.
>
> Ne ho regalato una copia ad un'amica davvero importante per me, oltre
> che un'amante di cucina, come per le precedenti due occasioni il
> successa e' stato grande.

Non ce l'ho, ma un buon libro credo sia anche quello di Carnacina. Prima o poi
me lo accatto, mentre il cucchiaio d'argento ce l'ho (una versione vecchissima,
ora mi pare sia cambiato molto, avendolo sfogliato velocemente in libreria).

Poi, sperando di non offendere nessuno, la mia opinione e' che i libri datati
hanno proprio fatto il loro tempo. Hanno una loro valenza storica, questo si',
assolutamente.

Ma spessissimo sono o vaghi oppure imprecisi, e quindi in sostanza non aiutano
chi ne avrebbe piu' bisogno, ossia i principianti, che sono il loro vero
pubblico.
DDV 4 Ago 2017 14:55
Il giorno venerdì 4 agosto 2017 11:56:16 UTC+2, sepp ha scritto:

> Non ce l'ho, ma un buon libro credo sia anche quello di Carnacina. Prima o poi
me lo accatto, mentre il cucchiaio d'argento ce l'ho (una versione vecchissima,
ora mi pare sia cambiato molto, avendolo sfogliato velocemente in libreria).
>
> Poi, sperando di non offendere nessuno, la mia opinione e' che i libri datati
hanno proprio fatto il loro tempo. Hanno una loro valenza storica, questo si',
assolutamente.

> Ma spessissimo sono o vaghi oppure imprecisi, e quindi in sostanza non aiutano
chi ne avrebbe piu' bisogno, ossia i principianti, che sono il loro vero
pubblico.

A me pare che il cucchiaio d'argento non sia né vago, né impreciso.
M'ha egregiamente guidato nei miei primi passi in cucina (mai visto un fornello
prima di sposarmi) e ne ho comprato una seconda versione dopo diversi anni,
molto cambiata naturalmente e ancora adesso ogni tanto me ne servo, paragonando
le due edizioni.

Poi, che di fronte all'offerta infinita, che si trova sul web, si possa anche
farne a meno è vero: bisogna tenere conto però, che in rete si deve saper
scegliere tra "*****ate" e ricette valide, il che presuppone una certa
esperienza, mentre su un libro "classico" si ha la certezza di una ricetta
collaudata, che può essere eseguita pedissequamente anche un principiante.

DDV
Desca 4 Ago 2017 18:21
Il

> Se vuoi, qui
http://www.coquinaria.it/forum/forum/i-forum-di-coquinaria/inauguriamo-il-futuro/2879482-manuale-di-pasticceria-di-pina-ricette-provate
c'e' un bel post sulle ricette di questo manuale.
>


O_O

mamma mia che *****ata... come detto l'ho regalato, non ho provato manco
una ricetta, l'indice e la divisione mi erano piaciuti... certo se i
risultati son quelli che vedo sarebbe da denuncia :(
sepp 4 Ago 2017 21:53
? Ma di che parli?
Renato 5 Ago 2017 07:30
Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
> regalarle un libro di cucina.
>
> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>
> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>
> grazie a tutti!

Sembrero' campanilista ma ti consiglio il libro "dolci nelle Dolomiti"
edito dalla casa editrice Athesia.
Sono tutte ricette collaudate e portano, nell'azienda italia, una
ventata di novita' essendo il classico ponte tra la cultura dolciaria
austro-tirolese e quella italiana di montagna (Euregio).
Fai attenzione, all'atto dell'acquisto, che sia edita in *******
italiana.....

--

Ciao, Renato
Mardot 7 Ago 2017 08:46
Il 05/08/2017 07:30, Renato ha scritto:
> Il 02/08/2017 23:18, Nady ha scritto:
>> ciao a tutti, una mia collega a breve compirà 50 anni e pensavo di
>> regalarle un libro di cucina.
>>
>> vorrei evitare le cose dozzinali tipo "cotto e ******* ecc... mi
>> consigliate qualcosa di veramente interessante?
>>
>> so che le piace fare dolci... ma anche cucinare in generale.
>>
>> grazie a tutti!
>
> Sembrero' campanilista ma ti consiglio il libro "dolci nelle Dolomiti"
> edito dalla casa editrice Athesia.
> Sono tutte ricette collaudate e portano, nell'azienda italia, una
> ventata di novita' essendo il classico ponte tra la cultura dolciaria
> austro-tirolese e quella italiana di montagna (Euregio).
> Fai attenzione, all'atto dell'acquisto, che sia edita in *******
> italiana.....
>
Anche non volendosi limitare ai dolci, nelle mie permanenze in Dolomiti
ho visto diversi libri sulla cucina autoctona.

Come sempre molti sono libri "per turisti", ma alcuni sono fatti davvero
bene, non saprei consigliare perche' non ricordo edizioni, autori
ecc.... mi ricordo comunque che sono libri la cui prima edizione risale
agli anni 50-60 ....
Fatina_degli_Elfi 7 Ago 2017 14:54
Il Thu, 03 Aug 2017 00:37:05 -0700, sepp ha scritto:

> Poi, se e' particolarmente incline alla pasticceria questo
> https://www.amazon.it/Dolci-Manuale-pratico-pasticceria-Giovanni/
dp/8809781597



Consigliai questo libro molti mesi fa, proprio su questo ng.
Alternativamente la collana di pasticceria di Massari, se il budget lo
permette.
Devo ammettere che nel vasto panorama della pasticceria italiana, senza
nulla togliere ai grandi pasticceri che abbiamo in Italia e che hanno
realizzato manualistica in tema, sento la mancanza di un compen*****-manuale
delle ricette della signora Grammatico. Peccato non essere di Erice :-)

---
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
Huyg 10 Ago 2017 18:20
Sembra che DDV abbia detto :
> Il giorno venerdì 4 agosto 2017 11:56:16 UTC+2, sepp ha scritto:
>
>> Non ce l'ho, ma un buon libro credo sia anche quello di Carnacina. Prima o
>> poi me lo accatto, mentre il cucchiaio d'argento ce l'ho (una versione
>> vecchissima, ora mi pare sia cambiato molto, avendolo sfogliato velocemente
>> in libreria).
>>
>> Poi, sperando di non offendere nessuno, la mia opinione e' che i libri
>> datati hanno proprio fatto il loro tempo. Hanno una loro valenza storica,
>> questo si', assolutamente.
>
>> Ma spessissimo sono o vaghi oppure imprecisi, e quindi in sostanza non
>> aiutano chi ne avrebbe piu' bisogno, ossia i principianti, che sono il loro
>> vero pubblico.
>
> A me pare che il cucchiaio d'argento non sia né vago, né impreciso.
> M'ha egregiamente guidato nei miei primi passi in cucina (mai visto un
> fornello prima di sposarmi) e ne ho comprato una seconda versione dopo
> diversi anni, molto cambiata naturalmente e ancora adesso ogni tanto me ne
> servo, paragonando le due edizioni.
>
> Poi, che di fronte all'offerta infinita, che si trova sul web, si possa anche
> farne a meno è vero: bisogna tenere conto però, che in rete si deve saper
> scegliere tra "*****ate" e ricette valide, il che presuppone una certa
> esperienza, mentre su un libro "classico" si ha la certezza di una ricetta
> collaudata, che può essere eseguita pedissequamente anche un principiante.

D'accordissimo, non per il Cucchiaio d'Argento, che ho ma che non sento
"nelle mie corde", ma per il Talismano della Felicità, edizione 1937,
che è il mio punto di riferimento.
Quelli che secondo me sono cambiati sono molti ingredienti. Lo vedo con
le uova, per esempio, o con le patate: con le dosi di Ada Boni a volte
è semplicemente impossibile ottenere quello che dice lei, e mi sono
convinto che siano cambiate proprio le uova; a parziale conferma,
proprio voi mi avete rivelato che, per esempio per la sfoglia, in
determinate parti d'Italia esistono uova "specifiche", e mi sono
convinto che magari nel 1937 tutte le uova fossero in qualche modo
specifiche...
Giampaolo Natali 10 Ago 2017 19:04
Huyg wrote:
> Sembra che DDV abbia detto :
>> Il giorno venerdì 4 agosto 2017 11:56:16 UTC+2, sepp ha scritto:
>>
[cut]
>
> D'accordissimo, non per il Cucchiaio d'Argento, che ho ma che non sento
> "nelle mie corde", ma per il Talismano della Felicità, edizione 1937,
> che è il mio punto di riferimento.
> Quelli che secondo me sono cambiati sono molti ingredienti. Lo vedo con
> le uova, per esempio, o con le patate: con le dosi di Ada Boni a volte
> è semplicemente impossibile ottenere quello che dice lei, e mi sono
> convinto che siano cambiate proprio le uova; a parziale conferma,
> proprio voi mi avete rivelato che, per esempio per la sfoglia, in
> determinate parti d'Italia esistono uova "specifiche", e mi sono
> convinto che magari nel 1937 tutte le uova fossero in qualche modo
> specifiche...

Sbaglierò, ma le uova per sfoglia sono uova prodotte da galline alimentate
con betacarotene in misura maggiore rispetto alle uova "la qualunque".
Insomma, hanno un bel tuorlo arancio carico invece di giallo limone sbiadito
:-). Sperando che il betacarotene derivi da mais, zucche, carote e,
sperabilmente, non da mangime a base di krill.


--
Giampaolo Natali
giampaolo_natali@alice.it
Huyg 10 Ago 2017 19:08
Scriveva Giampaolo Natali giovedì, 10/08/2017:
> Huyg wrote:
>> Sembra che DDV abbia detto :
>>> Il giorno venerdì 4 agosto 2017 11:56:16 UTC+2, sepp ha scritto:
>>>
> [cut]
>>
>> D'accordissimo, non per il Cucchiaio d'Argento, che ho ma che non sento
>> "nelle mie corde", ma per il Talismano della Felicità, edizione 1937,
>> che è il mio punto di riferimento.
>> Quelli che secondo me sono cambiati sono molti ingredienti. Lo vedo con
>> le uova, per esempio, o con le patate: con le dosi di Ada Boni a volte
>> è semplicemente impossibile ottenere quello che dice lei, e mi sono
>> convinto che siano cambiate proprio le uova; a parziale conferma,
>> proprio voi mi avete rivelato che, per esempio per la sfoglia, in
>> determinate parti d'Italia esistono uova "specifiche", e mi sono
>> convinto che magari nel 1937 tutte le uova fossero in qualche modo
>> specifiche...
>
> Sbaglierò, ma le uova per sfoglia sono uova prodotte da galline alimentate
> con betacarotene in misura maggiore rispetto alle uova "la qualunque".
> Insomma, hanno un bel tuorlo arancio carico invece di giallo limone sbiadito
> :-). Sperando che il betacarotene derivi da mais, zucche, carote e,
> sperabilmente, non da mangime a base di krill.

Ma io non ne so nulla, solo che mi aveva colpito leggere le n
differenziazioni per un ingrediente che io nella mia testa ho sempre
considerato puro.
Burro, uova, zucchero, farina, sale, cose così, ho sempre pensato che
ci fossero differenze di qualità, ma solo poi ho imparato che ci
potessero essere differenze strutturali (un esempio per tutti la W
della farina).
Quando Ada Boni scrive: prendi 100g di farina, che ne so io se
all'epoca la farina tout court non era della W690, oppure della W20?

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'arte di mangiar bene | Tutti i gruppi | it.hobby.cucina | Notizie e discussioni cucina | Cucina Mobile | Servizio di consultazione news.