L'arte di mangiar bene
 

[Cucina Giapponese] A cosa mi serviva il lardo...

Elwood 28 Mar 2017 10:44
A fare il ramen :D

http://imgur.com/a/RZogw

foto sgradevole, ma risultato buono :)

--
Elwood (Peter S.)
Elwood 28 Mar 2017 10:47
On Tuesday, March 28, 2017 at 10:44:54 AM UTC+2, Elwood wrote:

Lo strutto, non il lardo :-/

--
Elwood (Peter S.)
Michele 28 Mar 2017 15:05
Elwood <kenoboy@gmail.com> ha scritto:

> A fare il ramen :D
>
> http://imgur.com/a/RZogw
>
> foto sgradevole, ma risultato buono :)

<Piccolo sfogo polemico (non me ne volere) ;) >
Ma con tutte le cose buone che abbiamo in Italia, le millemila ricette
strsgustose più o meno semplici, mi vai a fare il Ramen che per quanto
mangiabile non è, IMO, niente di che.
In giappone ho mangiato un po' di tutto, Ramen, Soba, Udon, Sushi (quel *******
di pesce crudo che se non ci metti la salsa di soia non sa di
nulla). Vada per il Tendon o per il tempura in generale, buono e gustoso
anche l'unagi (anguilla) ... ma quelle ******* di zuppe (anche cinesi) dove
c'è di tutto e di più proprio non fanno parte della mia cultura ne tanto
meno del mio palato.
</Piccolo sfogo polemico>

Carino! :)

Michele
Doobie 28 Mar 2017 15:15
On Tue, 28 Mar 2017 13:05:07 GMT, "Michele"
<21283invalid@mynewsgate.net> wrote:

>Ma con tutte le cose buone che abbiamo in Italia, le millemila ricette
>strsgustose più o meno semplici, mi vai a fare il Ramen che per quanto
>mangiabile non è, IMO, niente di che.

Elwood sta in Olanda. Gia questo è game set and match 6-0 6-0 6-0 per
quanto si mangia male da quelle parti la tua critica potrebbe morire
qui :)
Michele 28 Mar 2017 15:16
Michele <21283invalid@mynewsgate.net> ha scritto:

> <Piccolo sfogo polemico (non me ne volere) ;) >

Ops, dimenticavo ancora due cose.
Mi piace pure l'omurice anche se è un imbastardimento della cucina locale
e, più importante:
de gustibus .... quindi lo sfogo vedilo proprio come tale e basta! ;)

Solo che se penso a come ho mangiato in giappone ed ai piatti italiani
(bollito in salsa verde, stinco di ******* al forno con patate, carbonara,
lasagne al pesto, pansoti in salsa di noci, torta alle mandorle, agnellino
*****hettato o perchetta in generale ...) beh, mi dico: ma ******* come sono
fortunato a vivere in Italia!

Michele
Michele 28 Mar 2017 15:29
Doobie <stoned.rider@email.it> ha scritto:

> Elwood sta in Olanda.

Ah. Ok. Come non detto.
Comunque nessuna critica: uno può anche essere un amante di quei tremendi
snack rinfrescanti ******* (prugnette rinsecchite in bagno d'aceto,
qualcosa al limite del commestibile). Ognuno è padrone dei propri gusti e
del proprio palato.

Per la cronaca, dopo il Giappone sono stato in USA e decisamente preferisco
il Giappone.
L'olanda culinariamente mi manca ... ma da come ne parli mi sembra la
succursale continentale del regno unito.

Michele
Gi 28 Mar 2017 15:53
"Michele" ha scritto nel messaggio
news:2017032813163021283@mynewsgate.net...

>*****hettato o perchetta in generale ...) beh, mi dico: ma ******* come sono
>fortunato a vivere in Italia!

Non è questione di "vivere" ma di nascere.
Se tu fossi nato in Groenlandia, forse, probabilmente saresti un gran
ghiottone di carne cruda di foca, magari grassa e puzzolente.
E non è questione di apprezzare o meno i piatti di altri paesi ma un fatto
di propria cultura alimentare.
Ricordo, era la fine degli anni 60, sulla riviera adriatica arrivavano i
charter dai paesi scandinavi.
A tavola, negli alberghi e pensioni, mettevano sempre una/due ciotole di
insalata; ebbene i "nordici" ci mettevano "per condirla" due/tre cucchiai di
zucchero.
Io allibivo a vedere questo, loro allibivano a vedere me che mettevo sale
olio e aceto e io con l'aceto ho sempre abbondato.
Quando hanno assaggiato la mia insalata sembrava avessero avuto le visioni
mistiche e da li in poi volevano che gli condissi la loro insalata; però da
soli continuavano e hanno continuato a mettere lo zucchero.
Cordialità
Gi
Michele 28 Mar 2017 16:16
Gi <cippa@lippa.it> ha scritto:

> Non Ú questione di "vivere" ma di nascere.
> Se tu fossi nato in Groenlandia, forse, probabilmente saresti un gran
> ghiottone di carne cruda di foca, magari grassa e puzzolente.
> E non Ú questione di apprezzare o meno i piatti di altri paesi ma un fatto
> di propria cultura alimentare.
> Ricordo, era la fine degli anni 60, sulla riviera adriatica arrivavano i
> charter dai paesi scandinavi.
> A tavola, negli alberghi e pensioni, mettevano sempre una/due ciotole di
> insalata; ebbene i "nordici" ci mettevano "per condirla" due/tre cucchiai di
> zucchero.
> Io allibivo a vedere questo, loro allibivano a vedere me che mettevo sale
> olio e aceto e io con l'aceto ho sempre abbondato.
> Quando hanno assaggiato la mia insalata sembrava avessero avuto le visioni
> mistiche e da li in poi volevano che gli condissi la loro insalata; però da

> soli continuavano e hanno continuato a mettere lo zucchero.

Quello che dici è interessante nonchè un poco contradditorio quando scrivi:
"Quando hanno assaggiato la mia insalata sembrava avessero avuto le visioni
mistiche"
Di fatto erano/sono abituati a mangiare in un certo modo ma capiscono anche
che altri tipi di cibo/sapori sono comunque buoni oppure decisamente migfliori
(nonostante le loro abitubini).

Io mi ricordo che, non proprio giovanissimo, andai in un ristorante (ero a
Gavi), dove servirono affettati, formaggi accompagnati da marmellate. Allora
pensai che l'accostamento marmellata con formaggio fosse qualcosa di
orripilante ma una volta assaggiato ... eh ... inutile dire che adesso lo
considero un piatto raffinato!

Adesso poi prendimi anche per il c... fondo schiena ma in norvegia (poso a
caso) ho assaggiato la pizza con l'ananas. Nonostante non mi faccia impazzire,
debbo dire che era meno peggio di qwuanto mi aspettassi. Non ho più avuto modo
di riassaggiarla e quindi non saprei dire se fosse stato un caso oppure anche
quell'accostamento, tutto sommato, aveva un senso.

In Thailandia ho assaggiato degli OTTIMI dolcetti vietnamiti che all'aspetto
erano tremendi (color nero e consistenza molliccia).

Questo per dire che sono aperto alle nuove esperienze, ai nuovi gusti e se
trovo qualcosa di buono, anche lontano dai miei canoni, non lo disdegno.

Certo, ci sono cucine (come la nostra), dove il dolce e salato sono
preponderanti, altre dove si predilige il ******* altre cucine invece sono
più neutre o tendono al dolce: in queste differenze entra in campo la cultura,
il cibo con il quale siamo cresciuti ed al quale siamo abituati. Noi europei
puzziamo di formaggio, altri puzzano di cavolo.

Poi entrano in campo i gusti personali: mia madre ad esempio non sopporta
l'odore ed il gusto del pesce.

Per questo si dice "de gustibus non disputandum est" però va altresì notato
che la cucina italiana, ma anche quella francese, sono internazionalmente
apprezzate. Ci sarà un motivo, ti pare?

Michele
Elwood 28 Mar 2017 16:17
On Tuesday, March 28, 2017 at 3:05:09 PM UTC+2, Michele wrote:

> <Piccolo sfogo polemico (non me ne volere) ;) >

Me l'hanno già detto, ma se mi permetti io vedo questo sfogo come OT. Nel
senso, in un NG di cucina bisognerebbe interessarsi di "cose buone", non "cose
buone italiane".

Io in Giappone, come te, ci sono stato. E anche se il sushi e sashimi è
qualcosa di etereo e inarrivabile (trovarne di simili in Europa è impossibile),
il ramen l'ho trovato affascinante.
Trovo affascinante, oltre che ottima, la cucina giapponese, mi piace
l'ossessione per la perfezione tipica giapponese e il ramen la sublima: ci sono
ristoranti, come sai, che fanno si e no 3-4 scodelle differenti di ramen.
E poi a me il ramen è piaciuto un sacco, a differenza tua mi par di capire,
ogni dettaglio nella scodella punta a rendere perfetto il boccone di noodles che
si mangia.

Il ramen non è una zuppa, prima cosa, e non è vero che c'è dentro di tutto
:-)
Ma mica dico tutti dovrebbero passare 2-3 week-end a prepare il ramen, eh, come
ho fatto io eh?

Per me: la cucina giapponese è l'unica che non mi farebbe rimpiangere quella
italiana, in definitiva.

> Carino! :)

Grazie, e buono ;)

--
Elwood (Peter S.)
Jamie 28 Mar 2017 16:22
On 28/03/2017 16:17, Elwood wrote:

> Io in Giappone, come te, ci sono stato. E anche se il sushi e sashimi è
qualcosa di etereo e inarrivabile (trovarne di simili in Europa è impossibile),
il ramen l'ho trovato affascinante.
> Trovo affascinante, oltre che ottima, la cucina giapponese, mi piace
l'ossessione per la perfezione tipica giapponese e il ramen la sublima: ci sono
ristoranti, come sai, che fanno si e no 3-4 scodelle differenti di ramen.
> E poi a me il ramen è piaciuto un sacco, a differenza tua mi par di capire,
ogni dettaglio nella scodella punta a rendere perfetto il boccone di noodles che
si mangia.
>
> Il ramen non è una zuppa, prima cosa, e non è vero che c'è dentro di tutto
:-)
> Ma mica dico tutti dovrebbero passare 2-3 week-end a prepare il ramen, eh,
come ho fatto io eh?
>
> Per me: la cucina giapponese è l'unica che non mi farebbe rimpiangere quella
italiana, in definitiva.


+1
(e non ho ancora assaggiato quella 'autentica')
Ghost Dog 28 Mar 2017 16:26
Il 28/03/2017 15:05, Michele ha scritto:
> Elwood <kenoboy@gmail.com> ha scritto:
>
>> A fare il ramen :D
>>
>> http://imgur.com/a/RZogw
>>
>> foto sgradevole, ma risultato buono :)
>
> <Piccolo sfogo polemico (non me ne volere) ;) >
> Ma con tutte le cose buone che abbiamo in Italia, le millemila ricette
> strsgustose più o meno semplici, mi vai a fare il Ramen che per quanto
> mangiabile non è, IMO, niente di che.
> In giappone ho mangiato un po' di tutto, Ramen, Soba, Udon, Sushi (quel
> ******* di pesce crudo che se non ci metti la salsa di soia non sa di
> nulla). Vada per il Tendon o per il tempura in generale, buono e gustoso
> anche l'unagi (anguilla) ... ma quelle ******* di zuppe (anche cinesi) dove
> c'è di tutto e di più proprio non fanno parte della mia cultura ne tanto
> meno del mio palato.
> </Piccolo sfogo polemico>
>
> Carino! :)
>
> Michele
>

Vivo in una delle zone di Italia considerate uno dei posti dove si
mangia meglio al mondo, anche per la grande varietà dei cibi: il
monferrato e le Langhe, ma adoro la cucina asiatica, che ho avuto modo
di conoscere bene durante alcuni viaggi in sud-est asiatico e
Cina....adesso arriva Mardot a temperare la punta e darmi del turista :)
..... e personalmente penso che non abbia niente da invidiare alla
cucina italiana.
Migliaia di ricette diverse, molto localizzate, attenzione maniacale
agli abbinamenti, uso di materie prime di tutti i tipi, comprese
frattaglie e, nel loro caso, pure gli insetti.
Da quel punto di vista, la cucina sud americana è molto più povera, ma
sicuramente come gusti più vicini ai nostri.
Forse è più un discorso di quante cose ti paicciono, della cucina
asiatica, ma non si può dire che sia meno complessa o raffinata della
nostra.
GD

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Michele 28 Mar 2017 16:43
Elwood <kenoboy@gmail.com> ha scritto:

> Me l'hanno già detto, ma se mi permetti io vedo questo sfogo come OT. Nel
> senso, in un NG di cucina bisognerebbe interessarsi di "cose buone", non
> "cose buone italiane".

Giusto. E proprio perchè è uno "sfogo" incentrato sulle diversità culinarie
nel mondo che stimola, appunto, questo argomento, quindi non lo vedo OT,
tutt'altro. ;)

> Io in Giappone, come te, ci sono stato. E anche se il sushi e sashimi è
> qualcosa di etereo e inarrivabile (trovarne di simili in Europa è
> impossibile), il ramen l'ho trovato affascinante.

Sarà però, a me, il sushi che ho mangiato in Giappone pareva uguale uguale a
quello italiano.

> Trovo affascinante, oltre che ottima, la cucina giapponese, mi piace
> l'ossessione per la perfezione tipica giapponese

Su questo ti sono vicino soprattutto per quanto riguarda l'aspetto estetico:
sono maniacali!!!

> e il ramen la sublima: ci sono ristoranti, come sai, che fanno si e no 3-4
> scodelle differenti di ramen.
> E poi a me il ramen è piaciuto un sacco, a differenza tua mi par di
> capire, ogni dettaglio nella scodella punta a rendere perfetto il boccone
> di noodles che si mangia.

.. non aggioungo altro di quanto già detto. L'ho vissuta in modo
decisamente differente ma rispetto le tue idee ;)

> Il ramen non è una zuppa, prima cosa, e non è vero che c'è dentro di tutto
> :-)
> Ma mica dico tutti dovrebbero passare 2-3 week-end a prepare il ramen, eh,
> come ho fatto io eh?

Se sono patiti di ramen, perchè no?

> Per me: la cucina giapponese è l'unica che non mi farebbe rimpiangere
> quella italiana, in definitiva.

Non fatico a crederti, la cucina giapponese, per quanto culturalmente
distante da noi, è comunque una buona cucina (ottima, dipende dai gusti).
Nel mio caso, che prediligo carne e formaggi, però mi trovo più vicino ad
altri tipi di cucine (in parte la tedesca, penso alle salsicce, allo stinco,
la francese ...)

>> Carino! :)
> Grazie, e buono ;)

Buon appetito :)

Ma della cucina giapponese, a parte il ramen di cui hai già espresso la tua
idea, il sushi e probabilmente la tempura, cosa consideri così buono?

Io ho parecchio apprezzato l'anguilla (come già detto, unagi). Poi sono
andato in ristoranti "casual dining" dove c'è una cucina imbastardita che
non mi è dispiaciuta. Nei ristoranti tradizionali invece non ho trovato
gusti così esaltanti, per questo chiedevo a te.

Michele
Doobie 28 Mar 2017 16:47
On Tue, 28 Mar 2017 13:29:32 GMT, "Michele"
<21283invalid@mynewsgate.net> wrote:

>L'olanda culinariamente mi manca ... ma da come ne parli mi sembra la
>succursale continentale del regno unito.

No, macchè. E' peggio, molto peggio. L'uk ha una sua cultura
alimentare, che possa piacere o non piacere però c'è.
Dell'Olanda che tra un belin e l'altro frequento da 20 anni tutto
quello che ho trovato di tipico formaggi a parte è Febo. Cos'è febo?
http://www.holland.com/it/turismo/destinazioni/amsterdam/febo-amsterdam-6.htm
Ce ne fossero di Elwood :)
Elwood 28 Mar 2017 16:51
On Tuesday, March 28, 2017 at 4:47:17 PM UTC+2, Doobie wrote:

> http://www.holland.com/it/turismo/destinazioni/amsterdam/febo-amsterdam-6.htm
> Ce ne fossero di Elwood :)

Non commento, perchè potrebbero cacciarmi dal paese :D

Però qualcosa si muove, nel senso che ci sono buoni ristoranti, e ne aprono di
nuovi in si vede che c'è la voglia di fare qualcosa di buono e ricercato... ma
la cultura culinaria è quella, e comunque fanno molta più fatica che da noi a
raggiungere buoni risultati.

--
Elwood (Peter S.)
Michele 28 Mar 2017 16:54
Ghost Dog <ghost_dog_don't_works_@g.it> ha scritto:

> Vivo in una delle zone di Italia considerate uno dei posti dove si
> mangia meglio al mondo, anche per la grande varietà dei cibi: il
> monferrato e le Langhe, ma adoro la cucina asiatica, che ho avuto modo
> di conoscere bene durante alcuni viaggi in sud-est asiatico e
> Cina....adesso arriva Mardot a temperare la punta e darmi del turista :)
> ...... e personalmente penso che non abbia niente da invidiare alla
> cucina italiana.
> Migliaia di ricette diverse, molto localizzate, attenzione maniacale
> agli abbinamenti, uso di materie prime di tutti i tipi, comprese
> frattaglie e, nel loro caso, pure gli insetti.
> Da quel punto di vista, la cucina sud americana è molto più povera, ma
> sicuramente come gusti più vicini ai nostri.
> Forse è più un discorso di quante cose ti paicciono, della cucina
> asiatica, ma non si può dire che sia meno complessa o raffinata della
> nostra.

Tutte le volte che sento parlare così mi viene sempre il dubbio di mangiare
nei posti sbagliati, oppure di mangiare le cose sbagliate ... oppure sono
forse proprio io che non sono in grado di apprezzare quel tipo di gusti,
abbinamenti.
Io sono più per gusti semplici e decisi, non amo troppo la complessità nella
cucina. Per me è sufficiente il contrasto tra DUE tipi di gusti, DUE diverse
consistenze.
Facendo un paragone musicale è come se diceste ad un comune mortale quant'è
bello un coro polifonico piuttosto che un duetto: quello vi guarda stranito ;)
Devo avere un palato troppo grezzo per apprezzare certe sfumature ;)

Michele
Ghost Dog 28 Mar 2017 16:58
Il 28/03/2017 16:54, Michele ha scritto:
> Ghost Dog <ghost_dog_don't_works_@g.it> ha scritto:
>
>> Vivo in una delle zone di Italia considerate uno dei posti dove si
>> mangia meglio al mondo, anche per la grande varietà dei cibi: il
>> monferrato e le Langhe, ma adoro la cucina asiatica, che ho avuto modo
>> di conoscere bene durante alcuni viaggi in sud-est asiatico e
>> Cina....adesso arriva Mardot a temperare la punta e darmi del turista :)
>> ...... e personalmente penso che non abbia niente da invidiare alla
>> cucina italiana.
>> Migliaia di ricette diverse, molto localizzate, attenzione maniacale
>> agli abbinamenti, uso di materie prime di tutti i tipi, comprese
>> frattaglie e, nel loro caso, pure gli insetti.
>> Da quel punto di vista, la cucina sud americana è molto più povera, ma
>> sicuramente come gusti più vicini ai nostri.
>> Forse è più un discorso di quante cose ti paicciono, della cucina
>> asiatica, ma non si può dire che sia meno complessa o raffinata della
>> nostra.
>
> Tutte le volte che sento parlare così mi viene sempre il dubbio di mangiare
> nei posti sbagliati, oppure di mangiare le cose sbagliate ... oppure sono
> forse proprio io che non sono in grado di apprezzare quel tipo di gusti,
> abbinamenti.
> Io sono più per gusti semplici e decisi, non amo troppo la complessità nella
> cucina. Per me è sufficiente il contrasto tra DUE tipi di gusti, DUE diverse
> consistenze.
> Facendo un paragone musicale è come se diceste ad un comune mortale quant'è
> bello un coro polifonico piuttosto che un duetto: quello vi guarda stranito ;)
> Devo avere un palato troppo grezzo per apprezzare certe sfumature ;)
>
> Michele
>

Beh cibi italiani "multisensoriali"ce ne sono a bizzeffe; pensa solo ad
una parmigiana, o ad una lasagna, per non parlare di tutta la pasta
ripiena e poi condita con millemilasughi!
Sembra semplice a te che sei nato e cresciuto in questa cucina, ma
credimi che gli stranieri (e per lavoro ne frequento e porto a cena
tanti, che adorano che gli si "spieghi" il cibo) apprezzano proprio la
complessità della nostra cucina.
GD

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Michele 28 Mar 2017 17:03
Doobie <stoned.rider@email.it> ha scritto:

>>L'olanda culinariamente mi manca ... ma da come ne parli mi sembra la
>>succursale continentale del regno unito.
>
> No, macchè. E' peggio, molto peggio. ...

Buono a sapersi: grazie!

Michele
Doobie 28 Mar 2017 17:14
On Tue, 28 Mar 2017 07:51:52 -0700 (PDT), Elwood <kenoboy@gmail.com>
wrote:

>Però qualcosa si muove, nel senso che ci sono buoni ristoranti

Dei ristoranti non è che mi possa lamentare. Se si vuol mangiare
etnico siamo a livello di tutte il resto d'Europa.
Ho trovato ottime steakhouse anche fuori amsterdam e una volta che ci
siamo capiti sul concetto di rare sulla qualità della carne non posso
ridire, mangiato indiano con soddisfazione e lo stesso posso dire dei
thai. Nelle case, quando un olandese mi invita a cena mi trema la
spina dorsale. Piu di una volta ho fatto le vacanze a casa di amici
sdebitandomi cucinando e cucinando roba elementare

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'arte di mangiar bene | Tutti i gruppi | it.hobby.cucina | Notizie e discussioni cucina | Cucina Mobile | Servizio di consultazione news.