L'arte di mangiar bene
 

Cuociriso elettrico
1 | 2 |

Jamie 9 Mag 2016 14:48
...è utile?
(da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
Ghost Dog 9 Mag 2016 14:58
Il 09/05/2016 14:48, Jamie ha scritto:
> ...è utile?
> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)

IMHO se non fai riso glutinoso o Thai bianco tutti i giorni no.
In compenso ti consiglio i coltelli, lo scorso anno ho preso l'usuba
(coltello da verdure) ed è uno spettacolo, appena parte l'offerta mi
compro anche gli altri due.
GD

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Jamie 9 Mag 2016 15:10
On 09/05/2016 14:48, Jamie wrote:
> ...è utile?
> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)

errata corrige, da lunedì 16
Jamie 9 Mag 2016 15:11
On 09/05/2016 14:58, Ghost Dog wrote:
> Il 09/05/2016 14:48, Jamie ha scritto:
>> ...è utile?
>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>
> IMHO se non fai riso glutinoso o Thai bianco tutti i giorni no.

no è una cosa proprio una tantum
quindi sconsigli?

> In compenso ti consiglio i coltelli, lo scorso anno ho preso l'usuba
> (coltello da verdure) ed è uno spettacolo, appena parte l'offerta mi
> compro anche gli altri due.

eh li stavo guardando in effetti
sono in acciaio?
mr 9 Mag 2016 15:43
On Monday, May 9, 2016 at 2:48:17 PM UTC+2, Jamie wrote:
> ...è utile?
> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)

Come ti hanno detto: dipende. In alcune circostanze è molto utile e ti permette
di risparmiare tempo, e visto il costo basso può convenire; certo, poi dipende
da quanto riso fai e che uso ne fai: con il riso e la quantità d'acqua giusta,
viene molto bene per accompagnare piatti orientali ma è chiaro che una cottura
"a mano", anche a vapore, ti fa perdere più tempo ma è più accurata. Io ce
l'ho e sono molto soddisfatto, ma sono anche un maniaco dei gadget :-)

Mi accodo al suggerimento sui coltelli: davvero ottimi, probabilmente li
prenderò di nuovo per averne di scorta o darli a qualche amico che li ha
apprezzati nelle jam-session di cucina che ogni tanto facciamo.

m.
scheimpflug 9 Mag 2016 15:53
On 5/9/2016 2:48 PM, Jamie wrote:
> ...è utile?
> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)

Yoshiko Abe ci fa di tutto :)

https://youtu.be/3uax8CT99WY?t=1275
Ghost Dog 9 Mag 2016 16:05
Il 09/05/2016 15:11, Jamie ha scritto:
> On 09/05/2016 14:58, Ghost Dog wrote:
>> Il 09/05/2016 14:48, Jamie ha scritto:
>>> ...è utile?
>>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>>
>> IMHO se non fai riso glutinoso o Thai bianco tutti i giorni no.
>
> no è una cosa proprio una tantum
> quindi sconsigli?

personalmente si
>> In compenso ti consiglio i coltelli, lo scorso anno ho preso l'usuba
>> (coltello da verdure) ed è uno spettacolo, appena parte l'offerta mi
>> compro anche gli altri due.
>
> eh li stavo guardando in effetti
> sono in acciaio?

Si.
Comunque ai primi di giugno la mia metà andrà qualche giorno in Giap per
lavoro e le ho già detto che se non mi porta a casa un set di coltelli
seri, al ritorno trova la serratura cambiata.
GD


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
unodiquelli 9 Mag 2016 16:48
El 09/05/16 a las 07:48, Jamie escribió:
> ...è utile?
> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)

Io vivo in un paese in cui si mangia riso a tutti i pasti, e lo si
prepara col metodo del totale assorbimento dell'acqua.

Il cuociriso (che avevo in Italia) é comodo perché, una volta riempito
degli ingredienti (acqua riso sale e volendo un po' di olio) fa tutto da
solo, e non devi stare lí col timer.
Tutto lí.
Per il resto puoi farne benissimo senza.
Jamie 9 Mag 2016 17:06
On 09/05/2016 16:48, unodiquelli wrote:
> El 09/05/16 a las 07:48, Jamie escribió:
>> ...è utile?
>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>
> Io vivo in un paese in cui si mangia riso a tutti i pasti, e lo si
> prepara col metodo del totale assorbimento dell'acqua.
>
> Il cuociriso (che avevo in Italia) é comodo perché, una volta riempito
> degli ingredienti (acqua riso sale e volendo un po' di olio) fa tutto da
> solo, e non devi stare lí col timer.
> Tutto lí.
> Per il resto puoi farne benissimo senza.

beh od*****, usando il metodo del totale assorbimento dell'acqua con la
cottura tradizionale rischi di ritrovarti tutto attaccato sul fondo; io
per queste cotture ho delle semplici padelle in acciaio non
antiaderenti, e per esempio quando devo cuocere cose tipo il miglio mi
trovo abbastanza male. il miglio assorbe tantissima acqua e finisce
sempre per attaccarmisi un po', se voglio farlo asciugare bene.
Jamie 9 Mag 2016 17:06
On 09/05/2016 15:53, scheimpflug wrote:
> On 5/9/2016 2:48 PM, Jamie wrote:
>> ...è utile?
>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>
> Yoshiko Abe ci fa di tutto :)
>
> https://youtu.be/3uax8CT99WY?t=1275
>
>

non ho cuore di vedermi tutto il filmato, ma sbaglio o la usa anche come
una slowcooker?
Jamie 9 Mag 2016 17:08
On 09/05/2016 15:43, mr wrote:
> On Monday, May 9, 2016 at 2:48:17 PM UTC+2, Jamie wrote:
>> ...è utile?
>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>
> Come ti hanno detto: dipende. In alcune circostanze è molto utile e ti
permette di risparmiare tempo, e visto il costo basso può convenire; certo, poi
dipende da quanto riso fai e che uso ne fai: con il riso e la quantità d'acqua
giusta, viene molto bene per accompagnare piatti orientali ma è chiaro che una
cottura "a mano", anche a vapore, ti fa perdere più tempo ma è più accurata.
Io ce l'ho e sono molto soddisfatto, ma sono anche un maniaco dei gadget :-)


ho anche problemi di spazio...sigh
ma di fatto cos'è, una pentola antiaderente con una resistenza che
scalda e un coperchio, compreso di timer?
Mardot 9 Mag 2016 17:30
Il 09/05/2016 17:06, Jamie ha scritto:
> On 09/05/2016 16:48, unodiquelli wrote:
>> El 09/05/16 a las 07:48, Jamie escribió:
>>> ...è utile?
>>> (da oggi in offerta al LIDL a 19.99)
>>
>> Io vivo in un paese in cui si mangia riso a tutti i pasti, e lo si
>> prepara col metodo del totale assorbimento dell'acqua.
>>
>> Il cuociriso (che avevo in Italia) é comodo perché, una volta riempito
>> degli ingredienti (acqua riso sale e volendo un po' di olio) fa tutto da
>> solo, e non devi stare lí col timer.
>> Tutto lí.
>> Per il resto puoi farne benissimo senza.
>
> beh od*****, usando il metodo del totale assorbimento dell'acqua con la
> cottura tradizionale rischi di ritrovarti tutto attaccato sul fondo; io
> per queste cotture ho delle semplici padelle in acciaio non
> antiaderenti, e per esempio quando devo cuocere cose tipo il miglio mi
> trovo abbastanza male. il miglio assorbe tantissima acqua e finisce
> sempre per attaccarmisi un po', se voglio farlo asciugare bene.

scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
assorbimento dell'acqua"?
Albus Dumbledore 9 Mag 2016 17:35
Sembra che Mardot abbia detto :

> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
> assorbimento dell'acqua"?

Pilaf?

--

Albus Dumbledore
scheimpflug 9 Mag 2016 17:50
On 5/9/2016 4:31 PM, cicero� wrote:
> On Mon, 9 May 2016 15:53:50 +0200, scheimpflug <scheimpflug@ymail.com>
> wrote:
>
>> Yoshiko Abe ci fa di tutto :)
>> https://youtu.be/3uax8CT99WY?t=1275
>
> Da 23:58 a 24:58 non si può vedere!
> cicero®
> --
>

la pasta!!! mancava alla collezione degli obbrobri anche quella fatta
nella rice cooker :D
Jamie 9 Mag 2016 18:03
On 09/05/2016 17:48, Giampaolo Natali wrote:

> Se il riso lo cuoci al microonde non attacca assolutamente.
> Metti tutti gli ingredienti, acqua pari al doppio in peso del riso, chiudi
> con pellicola e vai.
> Tempo 15-17 minuti il "risotto" è bell'è pronto e mantecato pure :-) :-)

cioè se volessi fare un risotto, mettiamo ai funghi, dovrei mettere
riso, olio, funghi, etc. tutto insieme?
ti dirò che l'idea mi incuriosisce, io sono una grande fan del
microonde. almeno una volta vorrei provare.
Non mescoli mai? Massima potenza? (il mio fa 600w o 1000w)
Jamie 9 Mag 2016 18:09
On 09/05/2016 17:30, Mardot wrote:

> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
> assorbimento dell'acqua"?

utilizzi la giusta quantità d'acqua che il cereale dovrebbe assorbire in
modo che si cuocia consumandola tutta senza che tu debba alla fine
scolare alcunché
[Claudio] Red-Block ! 9 Mag 2016 18:11
Il 09/05/2016 18:03, Jamie ha scritto:
>> Tempo 15-17 minuti il "risotto" è bell'è pronto e mantecato pure :-) :-)
>
> cioè se volessi fare un risotto, mettiamo ai funghi, dovrei mettere
> riso, olio, funghi, etc. tutto insieme?
> ti dirò che l'idea mi incuriosisce, io sono una grande fan del
> microonde. almeno una volta vorrei provare.
> Non mescoli mai? Massima potenza? (il mio fa 600w o 1000w)


Confermo, in ufficio ogni tanto me lo porto. Una ventina di minuti.
Non è facilissimo dosare l'acqua (forse dipende dal riso), ma se ci dai
un occhio se ce ne sta troppa gli dai quei 40 secondi scoperchiato, se
poca ce la rimetti.
Jamie 9 Mag 2016 19:02
On 09/05/2016 18:11, [Clau*****] Red-Block ! wrote:

>> cioè se volessi fare un risotto, mettiamo ai funghi, dovrei mettere
>> riso, olio, funghi, etc. tutto insieme?
>> ti dirò che l'idea mi incuriosisce, io sono una grande fan del
>> microonde. almeno una volta vorrei provare.
>> Non mescoli mai? Massima potenza? (il mio fa 600w o 1000w)
>
>
> Confermo, in ufficio ogni tanto me lo porto. Una ventina di minuti.
> Non è facilissimo dosare l'acqua (forse dipende dal riso), ma se ci dai
> un occhio se ce ne sta troppa gli dai quei 40 secondi scoperchiato, se
> poca ce la rimetti.

beh ma gli ingredienti del risotto (es. verdure varie) in 20 minuti al
micro non diventano terribili? sono veramente tanti per delle verdure,
poi magari non so se essendoci tutta l'altra roba la cottura viene
rallentata.
ma per esempio io una confezione di spinaci *surgelati* la posso cuocere
in 5-7 minuti al max.
poi immagino che così manchi la parte del soffritto. se metti tutto
insieme otterrai qualcosa di 'lessato'
unodiquelli 9 Mag 2016 19:02
> beh od*****, usando il metodo del totale assorbimento dell'acqua con la
> cottura tradizionale rischi di ritrovarti tutto attaccato sul fondo; io
> per queste cotture ho delle semplici padelle in acciaio non
> antiaderenti, e per esempio quando devo cuocere cose tipo il miglio mi
> trovo abbastanza male. il miglio assorbe tantissima acqua e finisce
> sempre per attaccarmisi un po', se voglio farlo asciugare bene.

Io uso una normale pentola in alluminio, e si attacca un po'. Poi la
riempio d'acqua mentre mangio, e si stacca tutto in un attimo.

Comunque col cuociriso che avevo in Italia mi si attaccava uguale...
unodiquelli 9 Mag 2016 19:05
> Confermo, in ufficio ogni tanto me lo porto. Una ventina di minuti.
> Non è facilissimo dosare l'acqua (forse dipende dal riso), ma se ci dai
> un occhio se ce ne sta troppa gli dai quei 40 secondi scoperchiato, se
> poca ce la rimetti.

Secondo me ha senso per fare il riso bianco, che viene profumatissimo
perché non lavato dalla lessatura.
Puoi metterci qualche verdurina, e volendo come liquido un frullato di
acqua e cipolla. Ma proprio risotto non é.
unodiquelli 9 Mag 2016 19:10
> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
> assorbimento dell'acqua"?

1 tazza di riso (io lo faccio in olio cosí ungo il fondo pentola), fai
tostare, poi versi 1,5 tazze di acqua (fredda), sale qb.
Fuoco a manetta fino al bollore, poi bassissimo per 15-20 minuti.
Con coperchio e senza MAI rimescolare. Viene un riso bianco non colloso,
molto profumato, grani ben staccati tra loro.

Questo col riso lungo, che trovi dal Messico al Brasile. Altrimenti la
quantitá di acqua puó variare.
unodiquelli 9 Mag 2016 19:35
> ho anche problemi di spazio...sigh
> ma di fatto cos'è, una pentola antiaderente con una resistenza che
> scalda e un coperchio, compreso di timer?

Sí, nient'altro.
Albus Dumbledore 10 Mag 2016 09:28
Dopo dura riflessione, unodiquelli ha scritto :

> Poi la riempio
> d'acqua mentre mangio, e si stacca tutto in un attimo.

PLONK!!!!

:-@ :-@
:-@

--

Albus Dumbledore
Jamie 10 Mag 2016 10:01
On 09/05/2016 19:35, unodiquelli wrote:
>> ho anche problemi di spazio...sigh
>> ma di fatto cos'è, una pentola antiaderente con una resistenza che
>> scalda e un coperchio, compreso di timer?
>
> Sí, nient'altro.
>

quindi non può essere assimilata ad una SC?
sepp 10 Mag 2016 10:21
Il giorno lunedì 9 maggio 2016 19:11:09 UTC+2, unodiquelli ha scritto:
>> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
>> assorbimento dell'acqua"?
>
> 1 tazza di riso (io lo faccio in olio cosí ungo il fondo pentola), fai
> tostare, poi versi 1,5 tazze di acqua (fredda), sale qb.
> Fuoco a manetta fino al bollore, poi bassissimo per 15-20 minuti.
> Con coperchio e senza MAI rimescolare. Viene un riso bianco non colloso,
> molto profumato, grani ben staccati tra loro.
>
> Questo col riso lungo, che trovi dal Messico al Brasile. Altrimenti la
> quantitá di acqua puó variare.

Aggiungo la mia esperienza:

1) il riso piu' adatto a questa tecnica e' il basmati, nel senso che la morte
sua e' il basmati, mettiamola cosi'. Il basmati (ma i risi lunghi in generale,
direi) ha una caratteristica particolare: cuocendo incorpora una quantita'
incredibile di acqua, per cui se non la limiti ogni chicco diventa talmente
grosso da trasformarsi in una pappetta immangiabile. Questo per dire che non
conviene cuocerlo buttandolo in tanta acqua calda (o fredda) come avviene per la
pasta, ma e' da preferire appunto la cottura in una quantita' di acqua
predeterminata. Che varia da riso a riso, per cui qualche prova va fatta.
Conviene anche predeterminare le quantita' in volume (da qui l'utilizzo della
misura in "tazze") piuttosto che in peso (non si usa la bilancia), sempre per
un fatto puramente pratico). Io ad es. uso un basmati che, a mio gusto, richiede
un 200% in volume di acqua (anche un po' di piu', il 220%).

2) il riso va sciacquato bene sotto acqua corrente, quindi: va messo in un
colino adatto e va poi messo sotto il getto d'acqua corrente e,
contemporaneamente, dev'essere continuamente rimescolato con le mani. Questo va
fatto per almeno un minuto. L'obiettivo e' di eliminare, in questo modo, la
patina/polvere di amido superficiale che c'e' sui chicchi di riso, e infatti
questo tipo di riso e' buono quando e' "sgranato", non appiccicato.

3) sulla cottura pilav girano un sacco di pregiudizi assurdi (mai aprire il
coperchio, metterlo in forno, mai questo, mai quello...). Sono ampiamente balle.
Lo cuoci in un pentolino antiaderente a fondo spesso, col coperchio, e non
sbaglierai un colpo. Acqua, riso, sale a piacere, tutto a freddo. Devi gestire
la fiamma sotto nel senso che, quando avra' raggiunto la cottura e non ci sara'
quasi piu' acqua dato che il riso se la sara' assorbita, non lo devi bruciare.
Una volta scolato, se ti accogi che non e' cotto a puntino, puoi anche
rimetterlo nel pentolino per continuare la cottura rimettendo poca o pochissima
acqua calda. E' questo il bello di questa cottura. Non e' una roba matematica,
ma il frutto di esperienza che ciascuno si deve fare.

4) una volta scolato, e' meglio metterlo in un ampio piatto e cercare di
raffreddarlo (io attacco il ventilatore a soffitto), in questo modo si blocca la
cottura. Se poi lo preferisci mangiare caldo o tiepido, si riscalda con pochi
secondi di forno a microonde.

5) il cuociriso, che ho comprato e devo dire mi e' servito per imparare questa
cottura b*****issima ma che all'inizio non mi era chiara per via dei "no questo,
no quello, mai questo, mai quello eccetera che si leggono dappertutto", e' meno
preciso della cottura manuale. Non e' che non funzioni, ma se ci prendi la mano
(e dopo qualche prova e' veramente b*****e) fai prima con un pentolino e viene
meglio.
Jamie 10 Mag 2016 10:38
On 10/05/2016 10:21, sepp wrote:
> Il giorno lunedì 9 maggio 2016 19:11:09 UTC+2, unodiquelli ha scritto:
>>> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
>>> assorbimento dell'acqua"?
>>
>> 1 tazza di riso (io lo faccio in olio cosí ungo il fondo pentola), fai
>> tostare, poi versi 1,5 tazze di acqua (fredda), sale qb.
>> Fuoco a manetta fino al bollore, poi bassissimo per 15-20 minuti.
>> Con coperchio e senza MAI rimescolare. Viene un riso bianco non colloso,
>> molto profumato, grani ben staccati tra loro.
>>
>> Questo col riso lungo, che trovi dal Messico al Brasile. Altrimenti la
>> quantitá di acqua puó variare.
>
> Aggiungo la mia esperienza:
>
> 1) il riso piu' adatto a questa tecnica e' il basmati, nel senso che la morte
sua e' il basmati, mettiamola cosi'. Il basmati (ma i risi lunghi in generale,
direi) ha una caratteristica particolare: cuocendo incorpora una quantita'
incredibile di acqua, per cui se non la limiti ogni chicco diventa talmente
grosso da trasformarsi in una pappetta immangiabile. Questo per dire che non
conviene cuocerlo buttandolo in tanta acqua calda (o fredda) come avviene per la
pasta, ma e' da preferire appunto la cottura in una quantita' di acqua
predeterminata. Che varia da riso a riso, per cui qualche prova va fatta.
Conviene anche predeterminare le quantita' in volume (da qui l'utilizzo della
misura in "tazze") piuttosto che in peso (non si usa la bilancia), sempre per
un fatto puramente pratico). Io ad es. uso un basmati che, a mio gusto, richiede
un 200% in volume di acqua (anche un po' di piu', il 220%).
>
> 2) il riso va sciacquato bene sotto acqua corrente, quindi: va messo in un
colino adatto e va poi messo sotto il getto d'acqua corrente e,
contemporaneamente, dev'essere continuamente rimescolato con le mani. Questo va
fatto per almeno un minuto. L'obiettivo e' di eliminare, in questo modo, la
patina/polvere di amido superficiale che c'e' sui chicchi di riso, e infatti
questo tipo di riso e' buono quando e' "sgranato", non appiccicato.
>
> 3) sulla cottura pilav girano un sacco di pregiudizi assurdi (mai aprire il
coperchio, metterlo in forno, mai questo, mai quello...). Sono ampiamente balle.
Lo cuoci in un pentolino antiaderente a fondo spesso, col coperchio, e non
sbaglierai un colpo. Acqua, riso, sale a piacere, tutto a freddo. Devi gestire
la fiamma sotto nel senso che, quando avra' raggiunto la cottura e non ci sara'
quasi piu' acqua dato che il riso se la sara' assorbita, non lo devi bruciare.
Una volta scolato, se ti accogi che non e' cotto a puntino, puoi anche
rimetterlo nel pentolino per continuare la cottura rimettendo poca o pochissima
acqua calda. E' questo il bello di questa cottura. Non e' una roba matematica,
ma il frutto di esperienza che ciascuno si deve fare.
>
> 4) una volta scolato, e' meglio metterlo in un ampio piatto e cercare di
raffreddarlo (io attacco il ventilatore a soffitto), in questo modo si blocca la
cottura. Se poi lo preferisci mangiare caldo o tiepido, si riscalda con pochi
secondi di forno a microonde.
>
> 5) il cuociriso, che ho comprato e devo dire mi e' servito per imparare questa
cottura b*****issima ma che all'inizio non mi era chiara per via dei "no questo,
no quello, mai questo, mai quello eccetera che si leggono dappertutto", e' meno
preciso della cottura manuale. Non e' che non funzioni, ma se ci prendi la mano
(e dopo qualche prova e' veramente b*****e) fai prima con un pentolino e viene
meglio.
>

mi hai convinto mi compro un bel pentolino antiaderente e vivo felice!
ho anche lo spargifiamma in caso. il basmati ci piace molto quindi lo
facciamo spesso. Io in genere compro il fior fiore coop.
quindi suggerisci di sciacquarlo sempre? ma questo vale solo per il
basmati od anche per altri tipi di riso?
Ghost Dog 10 Mag 2016 10:50
> mi hai convinto mi compro un bel pentolino antiaderente e vivo felice!
> ho anche lo spargifiamma in caso. il basmati ci piace molto quindi lo
> facciamo spesso. Io in genere compro il fior fiore coop.
> quindi suggerisci di sciacquarlo sempre? ma questo vale solo per il
> basmati od anche per altri tipi di riso?

un basmati buono (ma a volte hanno anche altri risi asiatici) sono
quelli della LIDL.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Mardot 10 Mag 2016 10:54
Il 10/05/2016 10:21, sepp ha scritto:

> 3) sulla cottura pilav girano un sacco di pregiudizi assurdi (mai aprire il
coperchio, metterlo in forno, mai questo, mai quello...). Sono ampiamente balle.

E' quello che pensavo, pur non avendolo mai provato, ora provero'.

> Lo cuoci in un pentolino antiaderente a fondo spesso, col coperchio, e non
sbaglierai un colpo. Acqua, riso, sale a piacere, tutto a freddo. Devi gestire
la fiamma sotto nel senso che, quando avra' raggiunto la cottura e non ci sara'
quasi piu' acqua dato che il riso se la sara' assorbita, non lo devi bruciare.
Una volta scolato, se ti accogi che non e' cotto a puntino, puoi anche
rimetterlo nel pentolino per continuare la cottura rimettendo poca o pochissima
acqua calda. E' questo il bello di questa cottura. Non e' una roba matematica,
ma il frutto di esperienza che ciascuno si deve fare.

Grazie.

Una nota, sopra in precedenza leggo "a totale assorbimento di acqua",
mentre tu parli di scolarlo. Le due cose si contraddicono.

Devo intendere che se secondo me e' cotto, anche se non ha asciugato
tutta l'acqua, allora posso spegnere, scolare e va bene cosi'?

A livello di utilizzo, lo uso come contorno? Lo devo condire? Lo do' ai
poveri? Insomma come e' meglio consumare un riso cotto in questo modo?

Tnx
sepp 10 Mag 2016 10:59
Il giorno martedì 10 maggio 2016 10:38:30 UTC+2, Jamie ha scritto:
> On 10/05/2016 10:21, sepp wrote:
>> Il giorno lunedì 9 maggio 2016 19:11:09 UTC+2, unodiquelli ha scritto:
>>>> scusate la mia ignoranza, ma cosa significa "il metodo del totale
>>>> assorbimento dell'acqua"?
>>>
>>> 1 tazza di riso (io lo faccio in olio cosí ungo il fondo pentola), fai
>>> tostare, poi versi 1,5 tazze di acqua (fredda), sale qb.
>>> Fuoco a manetta fino al bollore, poi bassissimo per 15-20 minuti.
>>> Con coperchio e senza MAI rimescolare. Viene un riso bianco non colloso,
>>> molto profumato, grani ben staccati tra loro.
>>>
>>> Questo col riso lungo, che trovi dal Messico al Brasile. Altrimenti la
>>> quantitá di acqua puó variare.
>>
>> Aggiungo la mia esperienza:
>>
>> 1) il riso piu' adatto a questa tecnica e' il basmati, nel senso che la
morte sua e' il basmati, mettiamola cosi'. Il basmati (ma i risi lunghi in
generale, direi) ha una caratteristica particolare: cuocendo incorpora una
quantita' incredibile di acqua, per cui se non la limiti ogni chicco diventa
talmente grosso da trasformarsi in una pappetta immangiabile. Questo per dire
che non conviene cuocerlo buttandolo in tanta acqua calda (o fredda) come
avviene per la pasta, ma e' da preferire appunto la cottura in una quantita' di
acqua predeterminata. Che varia da riso a riso, per cui qualche prova va fatta.
Conviene anche predeterminare le quantita' in volume (da qui l'utilizzo della
misura in "tazze") piuttosto che in peso (non si usa la bilancia), sempre per
un fatto puramente pratico). Io ad es. uso un basmati che, a mio gusto, richiede
un 200% in volume di acqua (anche un po' di piu', il 220%).
>>
>> 2) il riso va sciacquato bene sotto acqua corrente, quindi: va messo in un
colino adatto e va poi messo sotto il getto d'acqua corrente e,
contemporaneamente, dev'essere continuamente rimescolato con le mani. Questo va
fatto per almeno un minuto. L'obiettivo e' di eliminare, in questo modo, la
patina/polvere di amido superficiale che c'e' sui chicchi di riso, e infatti
questo tipo di riso e' buono quando e' "sgranato", non appiccicato.
>>
>> 3) sulla cottura pilav girano un sacco di pregiudizi assurdi (mai aprire il
coperchio, metterlo in forno, mai questo, mai quello...). Sono ampiamente balle.
Lo cuoci in un pentolino antiaderente a fondo spesso, col coperchio, e non
sbaglierai un colpo. Acqua, riso, sale a piacere, tutto a freddo. Devi gestire
la fiamma sotto nel senso che, quando avra' raggiunto la cottura e non ci sara'
quasi piu' acqua dato che il riso se la sara' assorbita, non lo devi bruciare.
Una volta scolato, se ti accogi che non e' cotto a puntino, puoi anche
rimetterlo nel pentolino per continuare la cottura rimettendo poca o pochissima
acqua calda. E' questo il bello di questa cottura. Non e' una roba matematica,
ma il frutto di esperienza che ciascuno si deve fare.
>>
>> 4) una volta scolato, e' meglio metterlo in un ampio piatto e cercare di
raffreddarlo (io attacco il ventilatore a soffitto), in questo modo si blocca la
cottura. Se poi lo preferisci mangiare caldo o tiepido, si riscalda con pochi
secondi di forno a microonde.
>>
>> 5) il cuociriso, che ho comprato e devo dire mi e' servito per imparare
questa cottura b*****issima ma che all'inizio non mi era chiara per via dei "no
questo, no quello, mai questo, mai quello eccetera che si leggono dappertutto",
e' meno preciso della cottura manuale. Non e' che non funzioni, ma se ci prendi
la mano (e dopo qualche prova e' veramente b*****e) fai prima con un pentolino e
viene meglio.
>>
>
> mi hai convinto mi compro un bel pentolino antiaderente e vivo felice!
> ho anche lo spargifiamma in caso. il basmati ci piace molto quindi lo
> facciamo spesso. Io in genere compro il fior fiore coop.
> quindi suggerisci di sciacquarlo sempre? ma questo vale solo per il
> basmati od anche per altri tipi di riso?

Gaurda che non e' un obbligo, insomma non va visto come un dogma. Se ti
dimentichi di sciacquarlo e' buono lo stesso.
E' un fatto estetico, piu' che di sapore, dato che sempre di amido (dello
*stesso* amido) si tratta.
Comunque, vanno sciacquati tutti i risi che ti piace mangiare "sgranati",
compreso quello glutinoso giapponese (non so come si chiami questa varieta'). Su
quest'ultimo girano in rete pipponi estremi sulla tecnica di lavaggio. E sulla
tecnica di cottura (e guai a non avere il ventaglietto, e guai a non avere il
recipiente apposito in legno di bambu' per raffreddarlo). Sembra na religione.
Ma che e'?? Che poi, se devi fare del sushi, quindi devi metterlo dentro un
pezzo di alga per fare il solito rotolino, ma che cambia se c'e' un po' di amido
nel riso? Comunque, ciascuno ha la propria fede e non discuto.
sepp 10 Mag 2016 11:14
Il giorno martedì 10 maggio 2016 10:54:35 UTC+2, Mardot ha scritto:
[...]
> Una nota, sopra in precedenza leggo "a totale assorbimento di acqua",
> mentre tu parli di scolarlo. Le due cose si contraddicono.

Hai ragione, mi sono sbagliato. Non si scola, dato che l'acqua se l'e' bevuta il
riso. "Quando lo togli dal pentolino", la frase corretta e' questa.

> Devo intendere che se secondo me e' cotto, anche se non ha asciugato
> tutta l'acqua, allora posso spegnere, scolare e va bene cosi'?

Ah questo si', anche. Se poi ti va di asciugarlo un po', lo rimetti nel
pentolino senza acqua, accendi il fuoco e mescoli un po'. Non si offende.

>
> A livello di utilizzo, lo uso come contorno? Lo devo condire? Lo do' ai
> poveri? Insomma come e' meglio consumare un riso cotto in questo modo?

Come preferisci. No limits. E' un riso profumato gia' di suo, per cui ti
piacera' anche cosi', senza niente. Come contorno va benissimo, oppure lo usi
al posto del pane. Se lo vuoi condire, fallo come preferisci. Ci vedo condimenti
leggeri, perche' alla fine anch'io sono condizionato dall'uso che ne fanno gli
asiatici, ma secondo me e' corretto non farsi condizionare, per cui vedilo come
una bella tela bianca sulla quale disegnare i tuoi capolavori :)

Per dire non lo vedo male neanche con due fagioli all'uccelletto sopra. Riso
basmati "Chen e Tex Willer". Ale' :). Amido e legumi e' perfetto, come la pasta
e fagioli.

> Tnx

;)
Mardot 10 Mag 2016 11:29
Il 10/05/2016 11:14, sepp ha scritto:

> Ah questo si', anche. Se poi ti va di asciugarlo un po', lo rimetti nel
pentolino senza acqua, accendi il fuoco e mescoli un po'. Non si offende.

OK

Ulteriore approfondimento

Quando lesso il riso l'acqua di lessatura, che scolo al termine della
cottura, sembra piu' una colla per manifesti che un'acqua simile a
quella della pasta. Quindi, se il riso mi si fosse asciugato in
quell'acqua, come dovrei fare nel caso del pilav, di sicuro avrei
ottenuto un pappone.

Questo problema lo risolvo con il lavaggio di cui parlavi o devo stare
attento ad altro?

>> A livello di utilizzo, lo uso come contorno? Lo devo condire? Lo do' ai
>> poveri? Insomma come e' meglio consumare un riso cotto in questo modo?
>
> Come preferisci. No limits. E' un riso profumato gia' di suo, per cui ti
piacera' anche cosi', senza niente. Come contorno va benissimo, oppure lo usi
al posto del pane. Se lo vuoi condire, fallo come preferisci. Ci vedo condimenti
leggeri, perche' alla fine anch'io sono condizionato dall'uso che ne fanno gli
asiatici, ma secondo me e' corretto non farsi condizionare, per cui vedilo come
una bella tela bianca sulla quale disegnare i tuoi capolavori :)
>
> Per dire non lo vedo male neanche con due fagioli all'uccelletto sopra. Riso
basmati "Chen e Tex Willer". Ale' :). Amido e legumi e' perfetto, come la pasta
e fagioli.

Mi piace

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'arte di mangiar bene | Tutti i gruppi | it.hobby.cucina | Notizie e discussioni cucina | Cucina Mobile | Servizio di consultazione news.