L'arte di mangiar bene
 

Il Martedi' viene di Martedi'

Alessandro Cara 1 Nov 2016 23:37
Ad***** o olio EVO
Che tanti dei mie piatti includi!


--
ac (x=y-1)
Aborro il Killfile
(La violenza e' l'ultimo rifugio degli incapaci -Salvor *****in-)
carletto 2 Nov 2016 01:03
"Alessandro Cara" <aley-1.cara1951@gmail.com> ha scritto

> Ad***** o olio EVO

Infatti.
Annata pessima, credo che nemmeno le raccogliero', le olive.

carletto
Albus Dumbledore 2 Nov 2016 08:25
carletto ha detto questo Wednesday :

> Infatti.
> Annata pessima, credo che nemmeno le raccogliero', le olive.

?????????
Come mai?
In che zona?
In Toscana le hanno gia' raccolte.

--

Albus Dumbledore
carletto 2 Nov 2016 13:26
"Albus Dumbledore" <asdf@asdf.it> ha scritto

> ?????????
> Come mai?
> In che zona?

Appennino campano. Piene di vermi, anche 5 o 6 per frutto, tutte.
Non faccio alcun tipo di trattamento, se va va. Pero' l'anno prossimo
provero' almeno con delle trappole.

> In Toscana le hanno gia' raccolte.

Qua al sud e' un po' un pianto greco ovunque.
Persino chi ha fatto i trattamenti (magari non ha azzeccato la settimana
giusta, non e' semplice del resto).

carletto
Albus Dumbledore 2 Nov 2016 13:44
Scriveva carletto Wednesday, 11/2/2016:

>> ?????????
>> Come mai?
>> In che zona?

> Appennino campano. Piene di vermi, anche 5 o 6 per frutto, tutte.
> Non faccio alcun tipo di trattamento, se va va. Pero' l'anno prossimo
> provero' almeno con delle trappole.

Usti...

>> In Toscana le hanno gia' raccolte.

> Qua al sud e' un po' un pianto greco ovunque.
> Persino chi ha fatto i trattamenti (magari non ha azzeccato la settimana
> giusta, non e' semplice del resto).

Orca, si prospetta un altro anno di magra, allora?

--

Albus Dumbledore
Fatina_degli_Elfi 2 Nov 2016 15:39
Il Wed, 02 Nov 2016 08:25:16 +0100, Albus Dumbledore ha scritto:
> ?????????
> Come mai?
> In che zona?
> In Toscana le hanno gia' raccolte.

Dovunque... pochi hanno raccolto, anche qui.
Insomma un disastro economico, dopo il terremoto.
Fatina_degli_Elfi 2 Nov 2016 15:40
Il Wed, 02 Nov 2016 13:26:27 +0100, carletto ha scritto:
> Qua al sud e' un po' un pianto greco ovunque.
> Persino chi ha fatto i trattamenti (magari non ha azzeccato la settimana
> giusta, non e' semplice del resto).


Non solo da te Carletto, ma anche al centro non siamo messi bene,
parlo di Umbria, Toscana e Marche.
Insomma... piove sul bagnato, o meglio... si scivola!
Shan 2 Nov 2016 15:44
Il 02/11/16 15:40, Fatina_degli_Elfi ha scritto:
> Il Wed, 02 Nov 2016 13:26:27 +0100, carletto ha scritto:
>> Qua al sud e' un po' un pianto greco ovunque.
>> Persino chi ha fatto i trattamenti (magari non ha azzeccato la settimana
>> giusta, non e' semplice del resto).
>
>
> Non solo da te Carletto, ma anche al centro non siamo messi bene,
> parlo di Umbria, Toscana e Marche.
> Insomma... piove sul bagnato, o meglio... si scivola!
>

Anche Abruzzo. Se lo trovo prendo l'olio dell'anno scorso. Senno', per
quest'anno, Bertolli...

--
Shan
----------------
Sic Parvis Magna

----------------
RedWiz 2 Nov 2016 16:13
On Wed, 02 Nov 2016 13:26:27 +0100, carletto wrote:

> "Albus Dumbledore" <asdf@asdf.it> ha scritto
>
>> ?????????
>> Come mai?
>> In che zona?
>
> Appennino campano. Piene di vermi, anche 5 o 6 per frutto, tutte.
> Non faccio alcun tipo di trattamento, se va va.

Same here (Firenze), e ne abbiamo buttate più del 50%.
L'anno scorso invece oltre a non essere bacate, è stata l'annata nella
quale mi hanno reso di più: 17,5% !!!
Greg 2 Nov 2016 17:57
Il 02/11/2016 15:44:14 Shan ha scritto:

> Anche Abruzzo. Se lo trovo prendo l'olio dell'anno scorso. Senno', per
quest'anno, Bertolli...

Anche calabria, in alcune zone i frantoi non hanno neanche aperto per
l'extravergine, e chi ha ancora le piante alte e
raccoglie a caduta, non ha neanche steso le reti. Olio vecchio, finchè dura,
poi supermercato :(

--
Greg
carletto 2 Nov 2016 18:38
"Fatina_degli_Elfi" <nonhoindirizzo@nonscrivere.com> ha scritto

> Non solo da te Carletto, ma anche al centro non siamo messi bene,
> parlo di Umbria, Toscana e Marche.
> Insomma... piove sul bagnato, o meglio... si scivola!

Si potrebbe dire mal comune mezzo gau*****... ma sappiamo che non e' cosi'.
Mi rode assai 'sta cosa. Tempo e sudore buttati al vento, per una stupida
******* mannaggia.
Speriamo che almeno mi basti l'olio dell'anno scorso.

carletto
Fatina_degli_Elfi 2 Nov 2016 20:11
Il Wed, 02 Nov 2016 15:44:14 +0100, Shan ha scritto:

> Anche Abruzzo. Se lo trovo prendo l'olio dell'anno scorso. Senno', per
> quest'anno, Bertolli...

Oppure olio di palma ;-P
carletto 2 Nov 2016 20:20
"Albus Dumbledore" <asdf@asdf.it> ha scritto

> Orca, si prospetta un altro anno di magra, allora?

E chi lo sa, spero di no.
Se avremo un inverno rigido, ed una estate calda e secca saremo al sicuro.
Ma questo ora e' impossibile saperlo.

carletto
Fatina_degli_Elfi 2 Nov 2016 20:22
Il Wed, 02 Nov 2016 18:38:51 +0100, carletto ha scritto:
> Si potrebbe dire mal comune mezzo gau*****... ma sappiamo che non e'
> cosi'.
> Mi rode assai 'sta cosa. Tempo e sudore buttati al vento, per una
> stupida ******* mannaggia.
> Speriamo che almeno mi basti l'olio dell'anno scorso.


Qui, gli esperti consigliano di medicare. E in una regione dove
il biologico è ******* nella mentalità di tutti, ma quello ruspante,
fatto in casa e non markettizato. Tanti piccoli produttori, o raccoglitori
privati (come forse lo sei tu) non utilizzano chimici per medicare le
piante con il risultato purtroppo di raccogliere un anno sì e due no.
Chi raccoglie lo sa a suo rischio e pericolo, in quanto il frantoio al
quale accede (almeno nella mia regione) richiede un test specifico per
verificare che l'olio sia extravergine. Se non lo è l'eccesso il frantoio
non lo vuole, anzi ti fa pagare di più, presagendoti i pericoli ed i
rischi che un olio corrotto potrebbe causare a familiari e conoscenti.
Ovvio che una volta saputa la cosa, i paesi (ed i borghi) sono piccoli
la gente ti isola e neppure i parenti ti vogliono quell'olio.
Dunque alla fine forse è meglio utilizzare composti chimici a norma di
legge, rispettare i tempi latenza e raccogliere bene in tutta sicurezza.
Con la certezza che passerai il test al frantoio e potrai macinare magari
rivendendo l'eccesso.
Ci sono poi i grandi produttori eccellenti, qui si trovano nella zona di
Trevi, Spoleto e Foligno. Ma presumo utilizzino composti chimici, nel
pieno rispetto delle norme, difatti raccolgono sempre e l'olio passa ogni
test, comprese le famose foglie che ti attribuiscono gli esperti oleari.
Fatina_degli_Elfi 2 Nov 2016 23:28
Il Wed, 02 Nov 2016 21:24:05 +0100, carletto ha scritto:

> Il mio non e' certo un problema di rivendere o meno, la produzione e'
> piccola, solo per autoconsumo o al massimo parenti. Ma c'e' un ma.
> Non faccio l'olivicoltore, ho una 70ina di piante piu' o meno
> sparpagliate in un grande giardino, pieno di tante altre piante da
> frutto, verdure e ortaggi vari. L'idea di avvelenare il tutto, aspettare
> il tempo di carenza, e poi consumare quello che si puo' non la prendo
> nemmeno in considerazione. Anche solo per il semplice fatto che
> manutenere, in modo hobbystico, 70 piante di olivo ha un costo annuo, in
> termini di tempo e lavoro, che supera di gran lunga quello del comprare
> un buon olio gia' fatto. Quindi, se me lo devo "avvelenare" da solo,
> preferisco comprarlo gia' "avvelenato", almeno preservo il mio
> orto-giardino, e mi riposo pure:-)
> L'unica strada che posso provare, oltre alle trappole, e' quella del
> trattamento cosiddetto biologico, concettualmente affine alla trappole,
> ovvero con preparati specifici che attirano e uccidono la ******* in aree
> e periodi limitati, senza contaminare i frutti e tutto l'ambiente.

Il tuo discorso non fa una piega. Intendevo: utilizzare pesticidi chimici
per debellare il parassita.
Esperti nel settore, laureati in agraria etc... che si occupano da tanti
anni di queste faccende, assicurano che, trascorso il tempo di latenza,
non resti traccia del pesticida. Ovvio: tutto a rigore di legge.
Altro non saprei dirti, non sono neppure io tanto sicura che siano del
tutto innocui questi prodotti, non so neppure quali siano e men che meno
come si usino. Che avvelinino le colture circostanti lo suppongo,
ma non ho dati certi per affermarlo.
Altro non so :-)

PS: se debbo consumare olio scadente, del super o peggio, proveniente da
chissà dove mi lascio piuttosto tentare dall'olio di mais!
Herik 2 Nov 2016 23:34
Fatina_degli_Elfi <nonhoindirizzo@nonscrivere.com> wrote:

> Oppure olio di palma ;-P

troppo denso.
--
E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Erano cinque: mi toccai le palle. [Paolo Pellegrino]
Albus Dumbledore 3 Nov 2016 08:31
carletto ha pensato forte :

>> Orca, si prospetta un altro anno di magra, allora?

> E chi lo sa, spero di no.
> Se avremo un inverno rigido, ed una estate calda e secca saremo al sicuro.
> Ma questo ora e' impossibile saperlo.

Pero' non e' cosi' dappertutto.
2 settimane fa ero in zona Grosseto e li' la raccolta stava finendo o
era gia' finita da qualche giorno e mi dicevano di un buon raccolto.

--

Albus Dumbledore
Albus Dumbledore 3 Nov 2016 08:33
Dopo dura riflessione, carletto ha scritto :

> "Chimici" puo' significare tante cose, piu' o meno inquietanti :-)

Oh ******* ..
Siamo tornati al me*****evo.

> La "norma di legge" stabilisce la dose, di un veleno, ma non ne nega la
> natura, di veleno.

Certo, i rimedi naturali sono i migliori e i piu' innocui.
:-(

--

Albus Dumbledore
Albus Dumbledore 3 Nov 2016 08:41
Fatina_degli_Elfi ha usato la sua tastiera per scrivere :

> non sono neppure io tanto sicura che siano del
> tutto innocui questi prodotti,

Mettiano in chiaro una cosa: se fossero innocui non sarebbero attivi.
Innocuo e attivo e' una contraddizione in termini, per un fitofarmaco
(vale anche per i farmaci, ovviamente, ma quella e' un'altra storia e
quelli li ingurgitiamo senza farci troppe menate).

Detto questo, se l'uso e' fatto secondo le indicazioni, e' certo che di
questi prodotti non resti traccia (o, se resta, dovrebbe restare ben al
di sotto dei limiti di pericolo).
Oggi esistono tecniche *****itiche in grado di vedere il picogrammo,
quando anni fa si arrivava a malapena al milligrammo. Per cui, se in un
olio ci fossero residui, un'*****isi accurata li beccherebbe (e non li
becca, se le cose vengono fatte come da regola).

Quel che non si puo' evitare e' l'abuso, come la frode o la
sofisticazione: si combattono, si limitano, ma non si possono
eliminare.
La cosa buona e' che oggi c'e' piu' consapevolezza tra gli stessi
agricoltori; anni fa passava il messaggio che se la dose doveva essere
100, allora darne 1000 era sicuramente meglio. Oggi, se ******* vuole, i
costi e i rischi sono molto piu' sotto controllo e difficilmente si
sgarra.

--

Albus Dumbledore
felice_pago@yahoo.it 3 Nov 2016 08:42
Il giorno mercoledì 2 novembre 2016 01:02:41 UTC+1, carletto ha scritto:
> "Alessandro Cara" <aley-1.cara1951@gmail.com> ha scritto
>
>> Ad***** o olio EVO
>
> Infatti.
> Annata pessima, credo che nemmeno le raccogliero', le olive.

gargano prenotati 20 litri di olio vecchio, 2015



felice pago

unto
.
carletto 3 Nov 2016 13:27
"Albus Dumbledore" <asdf@asdf.it> ha scritto

> Oh ******* ..
> Siamo tornati al me*****evo.

Beh, direi che tra la poltiglia bordolese e lo ZyklonB qualche differenza ci
passa pure.
Tutti i pesticidi sono innocui, fin quando non si scopre che invece sono
nocivi...

> Certo, i rimedi naturali sono i migliori e i piu' innocui.

Diciamo che sono quelli piu' "collaudati", e con meno sorprese sul lungo
termine.
Non mi pare un dettaglio da poco.
Comunque il fatto stesso che piu' o meno chiunque, quando produce per uso
proprio, difficilmente accetta di buon grado l'uso della chimica, mentre
quando lo fa per professione non si fa tutti questi scrupoli (ne' potrebbe
farseli, del resto), e' abbastanza eloquente... Forse sono tutti me*****evali,
chettedevodi'...

carletto
carletto 3 Nov 2016 13:36
"carletto" <spam@stogaz.it> ha scritto

> Comunque il fatto stesso che piu' o meno chiunque, quando produce per uso
> proprio, difficilmente accetta di buon grado l'uso della chimica, mentre
> quando lo fa per professione non si fa tutti questi scrupoli (ne' potrebbe
> farseli, del resto), e' abbastanza eloquente... Forse sono tutti
> me*****evali, chettedevodi'...

Ah, mo' me vado a magna' 'na magnifica verza del mio orto incontaminato.
Molto spesso vengono attaccate da parassiti fitofagi, e poiche' non uso
trattamenti me le decimano. Pazienza, mangio altro. Ma quest'anno sono tutte
belle e sane, lasciami ******* ..

carletto
Alessandro Cara 3 Nov 2016 22:27
Il 03/11/2016 13:36, carletto ha scritto:

> Ah, mo' me vado a magna' 'na magnifica verza del mio orto incontaminato.
> Molto spesso vengono attaccate da parassiti fitofagi, e poiche' non uso

Perche' so bbone

> trattamenti me le decimano. Pazienza, mangio altro. Ma quest'anno sono tutte
> belle e sane, lasciami ******* ..

/nun so bbone lassa perde/

;-)


--
ac (x=y-1)
Aborro il Killfile
(La violenza e' l'ultimo rifugio degli incapaci -Salvor *****in-)
fulvio_ capsy_Pll 4 Nov 2016 06:22
Il 03/11/2016 00:30, carletto ha scritto:
> "Fatina_degli_Elfi" <nonhoindirizzo@nonscrivere.com> ha scritto
>
>> Il tuo discorso non fa una piega. Intendevo: utilizzare pesticidi chimici
>> per debellare il parassita.
>
> Purtroppo non esiste un metodo chimico o meno, che possa debellare del tutto
> il parassita.
> Anche i metodi piu' invasivi sono tentativi, spesso efficaci, ma a volte no.
>

da noi chi deve produrre a tutti i costi usa il ROGOR ma molti
che producono per se stessi si rifiutano, se va và se no si ricorre alle
scorte.


--
le mie ricette sul mio sito "senza pubblicità"
http://www.peperoncinosanremorivieradeifiori.it/ricette.php

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'arte di mangiar bene | Tutti i gruppi | it.hobby.cucina | Notizie e discussioni cucina | Cucina Mobile | Servizio di consultazione news.