L'arte di mangiar bene
 

Novità europee sul latte

Greg 15 Ott 2016 09:47
=Catrame= 15 Ott 2016 09:51
Addì 15/10/2016 , su it.hobby.cucina - it.hobby.cucina , l'utente
*Greg* ( greg@alicie.com ) ha scritto :

> Obbligatorio indicare in etichetta di latte e suoi derivati il paese di
> mungitura e altre cosette
>
>
http://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/stili-di-vita/2016/10/14/news/latte_in_arrivo_le_etichette_ue_per_difendere_il_made_in_italy_-149741658/

finalmente

--
Tra il rosso ed il nero,
vince sempre lo zero.
Michele_esse 15 Ott 2016 10:24
Il 15/10/16 09:47, Greg ha scritto:
> Obbligatorio indicare in etichetta di latte e suoi derivati il paese di
> mungitura e altre cosette
>
>
http://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/stili-di-vita/2016/10/14/news/
>latte_in_arrivo_le_etichette_ue_per_difendere_il_made_in_italy_-149741658/
>
>
Ma è una cosa vecchissima...;-)
https://it.wikipedia.org/wiki/Latte_%26_i_Suoi_Derivati

--
Ciao
Michele
Gi 15 Ott 2016 11:28
"=Catrame=" ha scritto nel messaggio
news:mn.7a4f7e0a286aa177.141089@gmail.com...

>finalmente

Finalmente potranno aumentare i prezzi di quei prodotti in quanto "doc".
:-(

Gi
DrMorbius 15 Ott 2016 16:42
Greg <greg@alicie.com> ha scritto:

> Obbligatorio indicare in etichetta di latte e suoi derivati il paese di
mungitura e altre cosette
>
> http://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/stili-di->
vita/2016/10/14/news/latte_in_arrivo_le_etichette_ue_per_difendere_il_made
_> in_italy_-149741658/

" per difendere il made in italy " ......


LOL





--
DrMorbius
ilChierico 15 Ott 2016 17:03
On 15/10/2016 11:28, Gi wrote:

> Finalmente potranno aumentare i prezzi di quei prodotti in quanto "doc".

Finalmente quel casaro campano che cercava autisti pratici per andar a
prendere il latte in Germania, si lavora anche il sabato e la domenica,
la paga non ve la scrivo altrimenti parte il flame, sarà accontentato :-)
Fatina_degli_Elfi 16 Ott 2016 12:46
Il Sat, 15 Oct 2016 09:47:28 +0200, Greg ha scritto:

> Obbligatorio indicare in etichetta di latte e suoi derivati il paese di
> mungitura e altre cosette


Fino a quando non cambieranno, tutti, i sistemi di allevamento (intensivo
per il 90%) e di cura degli animali temo che l'etichettatura made in o
altrove poco cambi, anche per la qualità del latte.
Inoltre personalmente la cosa mi lascia indifferente, dacché non bevo più
latte e non consumo latticini :-D
Fatina_degli_Elfi 17 Ott 2016 14:46
Il Sun, 16 Oct 2016 14:07:04 +0200, carletto ha scritto:
> Ebeh, salvo intolleranze, ti perdi tanto. Un treccia aversana, un
> podolico lucano, un provolone del monaco, un pecorino marcetto, sono
> bonta' trascendentali...


Il problema è un altro ripeto: l'allevamento intensivo.
Oggi una mucca dona in media 40 lt di latte al giorno, una mucca
dei tempi andati e pascolante esclusivamente erba in stato libero produceva
al massimo 10 lt giornalieri e solo quando in stato di gravidanza.
Come una donna, una donna produce latte quando ******* fino a tre anni
(cosa eccezionale) dopo il parto e piccole quantità di latte al giorno
necessarie al piccolo nato. Non si può mica chiedere ad una donna di
produrre latte a vita :-D
Gli animali vanno rispettati, se si forza la produzione evidentemente lo si
fa perché qualcosa di 'diverso' dall'etologia animale è stato introdotto,
vedi mangimi potenziati e alimenti non naturali per una mucca, vedi
inseminazione artificiale perenne e durante tutto il brevissimo ciclo di
vita dell'animale, vedi somministrazione di farmaci (consentiti) per
alleviare i disturbi della montata lattea (le poppe fanno parecchio male!
), vedi farmaci per scongiurare o curare cistiti.
Insomma, nà bella vita con conseguenza anche sul prodotto finito, dal
latte al formaggio che, va precisato, non sono più il latte e il formaggio
di un tempo, quelli derivanti da mucche libere e pascolanti.
La differenza in termini nutritivi è abissale: il latte odierno è meno
ricco di sali minerali, vitamine, calcio, ma sovraccarico di ormoni
naturali dell'animale e di sintesi per via dei farmaci somministrati, ha
una carica proteica altissima rispetto al passato e dunque non adatto a
tutti i regimi alimentari, ha effetti diversi e non positivi sul
metabolismo
dei glucidi e dei lipidi.
E tanto altro ancora. E dunque: tra il formaggio di 40 anni fa e quello di
oggi vi passa un abisso.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'arte di mangiar bene | Tutti i gruppi | it.hobby.cucina | Notizie e discussioni cucina | Cucina Mobile | Servizio di consultazione news.